Mostra permanente

Werefkin - Seewald - Zehnder

10 giugno - 31 agosto 2014

Dal 10 giugno, al secondo piano del Museo Comunale d’Arte Moderna è sempre allestita una selezione di opere di Marianne Werefkin (Tula 1860-Ascona 1938), appartenenti alla collezione della Fondazione Marianne Werefkin, ospite stabile del Museo. La collezione – con circa 90 dipinti e 170 libretti di schizzi, nonché vari disegni e numerosi documenti scritti – è di gran lunga la più importante di questa straordinaria figura femminile, donna coltissima e poliglotta, pittrice e scrittrice, artista d’avanguardia legata al Blaue Reiter e tra i fautori del rinnovamento artistico del primo Novecento.

Anche la collezione Richard e Uli Seewald ha la sua sede presso il Museo di Ascona e nella sala dedicata aRichard Seewald (1889 Arnswalde-1976 München), dal 17 giugno, al primo piano del Museo si possono ammirare alcune opere di questo artista poliedrico, la cui arte è ispirata sia all'espressionismo che alla Neue Sachlichkeit. Attualmente si possono vedere alcune opere raramente esposte, le quali sono frutto delle molteplici attività dell'artista in ambito delle arti applicate.

Il Museo di Ascona, già sede d’interessanti fondi - il Fondo Carl Weidemeyer e il Fondo Charlotte Bara, due personalità artistiche particolarmente significative nella Ascona del secolo scorso – si arricchisce nel 2014 di un nuovo importante nucleo, il Fondo Anna Iduna Zehnder.

Il Fondo si compone di 153 opere pittoriche, alle quali si aggiungono diversi disegni e taccuini di schizzi, oltre che a fotografie, lettere e documenti, che testimoniano della vita e delle relazioni di questa figura, ancora tutta da scoprire. Per presentare al pubblico il nuovo Fondo e l’arte di Anna Iduna Zehnder, a partire da martedì 17 giugno, il Museo espone nelle sale del primo piano una selezione di opere, disegni e documenti, in attesa della piena valorizzazione dell’arte e della figura di questa donna del tutto straordinaria per il suo tempo.

Originaria del cantone Argovia, Anna Iduna Zehnder (Bimenstorf 1977- Ascona 1955) ottiene nel 1914 la laurea in medicina all’Università di Basilea, diventando una delle prime dottoresse della Confederazione elvetica. Spinta dal desiderio di dedicarsi alla pittura, nel 1917 si trasferisce ad Ascona, dove diventa allieva del pittore rumeno Arthur Segal: attraverso il suo maestro e gli altri allievi della sua scuola d’arte – dall’anarchico Ernst Frick ad Arthur Bryks, ebreo polacco e artista pacifista - Zehnder entra a far parte dell’ambiente artistico di Ascona. Non a caso, nel 1922 Anna Iduna Zehnder appare tra gli artisti che donano al Comune di Ascona una loro opera affinché si costituisse il Museo Comunale. Sempre ad Ascona, Zehnder scopre l’antroposofia e si applica alla lettura e all’analisi dei testi di Rudolf Steiner, nei quali trova quella fonte di crescita e di conoscenza a lungo cercata, sia sul piano professionale che personale e artistico. Così a partire dal 1922, Zehnder - ottenuta la formale autorizzazione del Canton Ticino a praticare la professione e diventata ufficialmente la “Dottoressa” del Borgo - vive ad Ascona nella “Villa Artemide”, dove installa il proprio atelier nonché uno studio medico stabile, unendo nelle sue cure la medicina tradizionale all’esercizio di pratiche antroposofiche, in cui si fondono medicina, euritmia, Sprachgestaltung, come pure musica e arte pittorica.

Manifesto

Sede

Museo Comunale d'Arte Moderna, Ascona

Orari d'apertura

10 giugno - 31 agosto 2014
Martedì - Sabato
10.00 - 12.00
15.00 - 18.00
Domenica e festivi

10.30 - 12.30
Lunedì

chiuso

Ingresso

Intero
CHF 10
Ridotto (AVS, studenti, gruppi min. 15 persone)
CHF 7
Ragazzi fino a 18 anni
ingresso gratuito
Visite guidate per gruppi fino a max 25 persone (solo su prenotazione)
CHF 150 + biglietto singolo ridotto per partecipante

È possibile pagare in Euro

Vai al sito del
Museo Castello
San Materno