Omaggio a Maurice Frido

11 ottobre - 14 dicembre 2014 PROLUNGATA

MOSTRA PROLUNGATA FINO AL 14 DICEMBRE 2014

Maurice Frido è poeta dell’istante, del fuggevole, del qui e ora. Vissuti come fossero rivelazione, nel fermare lo scorrere del tempo, coinvolto in modo totale con la vita, il fremito di un paesaggio naturale o urbano: gioia per gli occhi, compartecipazione interiore, scintillio di forme naturali che continuano oltre orizzonti, di nuvole, di fumi, di riverberi specchiati, di forme che si rinnovano in un continuum senza tempo.

Autodidatta, ma formatosi alle prestigiose Académie de la Grande Chaumière e Académie Julian, sono soprattutto gli impressionisti francesi a interessarlo – da Monet a Cézanne, a van Gogh – citati come guide, per ricordo o per malinconia, ma mai per plagio. Sono i grandi maestri della sua gioventù, della sua patria d’artista, della Parigi crocevia europea di tutte le arti, che egli non ha mai dimenticato portandosela sempre con sé, peregrino d’Europa.

Così anche ad Ascona, Frido ha continuato a coltivare il suo idioma francese, e soprattutto a leggere, tra i vicoli, i paesaggi lacustri e montani, quel non so che di luce mediterranea che unisce Ascona al Sud della Francia, o a tutti i Sud.

Alla soglia dei novant’anni, ciò che colpisce di Maurice Frido è il suo sguardo di fanciullo, di occhi azzurri che soprattutto sprigionano quella luccicante curiosità infantile, la stessa che ci viene restituita con gioia di vita dalle sue numerose opere pittoriche, tutte fermento, di rumori, di profumi, di sensazioni.

Inaugurazione

Venerdì 10 ottobre, ore 17.30

Manifesto

Sede

Casa Serodine, Ascona

Orari d'apertura

11 ottobre - 7 dicembre 2014
Mercoledì - sabato
10.00 - 12.00
15.00 - 18.00
Domenica e festivi

14.30 - 16.30
Lunedì - martedì

chiuso

Ingresso

Intero
CHF 5
Ridotto (AVS, studenti, gruppi min. 15 persone)
CHF 3
Ragazzi fino a 18 anni
ingresso gratuito
Visite guidate da parte dell’artista, in italiano e francese per gruppi fino a 25 persone (solo su prenotazione)
CHF 150 + biglietto singolo ridotto per partecipante

Vai al sito del
Museo Castello
San Materno